Vai al contenuto

Toremoon

Il primo a entrare e l'ultimo a uscire
  • Numero contenuti

    23061
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Days Won

    57

2 Seguaci

Su Toremoon

  • Rank
    Boh
  • Compleanno 13/02/1981

Profile Information

  • Gender
    Male
  • Location
    Napoli
  • Interests
    Tutto

Scheda Lupica

  • Qualcosa su di me
    io sono io quando non sono non-io
  • Ruolo preferito
    Punta di movimento
  • Ruolo più odiato
    Arbitro
  • Fazione preferita
    Ghibellini
  • Giocatori preferiti
    Stellone

Visite recenti

31387 visite nel profilo
  1. Motivi per non votare +Europa

    Io credo che il fatto che tu interpreti le mie parole, ti renda più difficile comprenderle (oltre al fatto che rispondiamo a persone diverse su questioni diverse). Io non ho scritto che Forza Italia sia progressista, io ho scritto che "non credo che il popolo voti per i soldi che gli vengano prospettati, ma lo faccia per una promessa di felicità possibile e, quindi, per un cambiamento della sperequazione attuale della società". Cambiare la società non vuol dire solo vederla progredire, ma anche regredire. Come dire: "se diventiamo tutti più poveri, siamo tutti nelle stesse condizioni". Io non credo che le masse di proletari che votano Berlusconi o M5S (delle motivazioni che spingano a votare Lega so effettivamente poco) lo facciano tutte per il progresso, ma probabilmente per un regresso consapevole (al quale i Conservatori, giustamente, si oppongono).
  2. Motivi per non votare +Europa

    Provo a spiegare il mio punto di vista. Il "ragazzo" del salumiere che vive con 450€ al mese in nero non è interessato alle parole di Berlusconi. Non le ascolta neppure, credo. Quello che è interessante per lui è la identificazione. L'identificazione è quello che ci frega tutti nella vita. "Io sono di destra", "io sono comunista", "io sono fascista" sono trucchi che mette in campo la nostra mente per darci una sicurezza identificativa e che, di conseguenza, bloccano il normale flusso della vita che è verso la crescita e il cambiamento (come, in altri ambiti "io sono vegetariano" o "io sono juventino": c'è gente che per folli identificazioni non è riuscito a godere quel meraviglioso campione che è stato Maradona o lo spettacolare gioco del Napoli di Sarri). Chi non si identifica in un ideale (come noto spesso in quelli che dicono "io non sono né di destra, né di sinistra"), si può identificare con altre idee o con altre sensazioni ("tutti mangiano, ma preferisco Berlusconi perché almeno mi è simpatico" - sottintendendo: "se fossi nella sua stessa situazione farei come lui"). Ora, partendo dal presupposto che io non credo che gli elettori siano stupidi, né che votino in maniera più irrazionale di come vivano, nel votare Berlusconi, o Salvini, o Renzi, o Di Maio, o Bonino, o vattelapesca, gli elettori dichiarano qualcosa. Alcuni, ad esempio, dichiarano: "io non sono come voi" (inteso come "quelli di destra", o "quelli di sinistra", o chessò), o "io sono meglio di voi" (inteso come "meglio di voi comunisti/fascisti/finto-borghesi/eccetera"). Come ha fatto giustamente notare in un altro messaggio Dauntless, i politici sono molto "bravi" nell'acquisire le fette di mercato del voto "contro" (contro l'Europa, contro i fascisti, contro i comunisti, contro la casta, contro i razzisti, ecc.), intercettando tutta quella fetta di elettorato che non si identifica nella classe politica presente. E' una identificazione per sottrazione, ma è pur sempre una dichiarazione: "io sono diverso da loro". Quando Berlusconi era in auge (adesso non seguo più tanto, non so più molto di come si vende) era molto bravo a porsi come baluardo contro i comunisti, la minaccia rossa e riusciva (e riesce tutt'ora, immagino) a portare verso di sé le preferenze di tutti quelli che "io non sono comunista". Il mondo dei "comunisti" veniva visto (di sicuro dai tempi di Craxi, non so prima) come un mondo grigio, burocratizzato e fondamentalmente ipocrita (come cercano di dirci i registi italiani da anni: mi vengono in mente "La Grande Bellezza" e, più recentemente "Il nome del figlio"). Ipocrita perché si concentra sul mondo ideale, ma alla prova dei fatti nessuno dei più recenti leader comunisti ha incarnato quello spirito (e Bertinotti, in questo, era lo specchio fedele di tale ipocrisia). In nessun modo un lavoratore sottopagato e senza tutele può vedersi rappresentato da un signorotto in giacca e cravatta, che si fa chiamare "Onorevole" e che nella sua vita, magari, non ha mai lavorato. Nella realtà il "giovane" del salumiere vedrà che da quando c'è al Governo quel signorotto la sua situazione non è cambiata in nessuna maniera e che, anzi, possibilmente è peggiorata. E non per la Crisi Globale, perché non c'è bisogno di sapere dati di macroeconomia per sapere che quello che sta vivendo è un sopruso generalizzato, sotto gli occhi di tutti e che nessuno fa niente per lui, nessuno lo tutela ("tutti rubano..."). Non che con Berlusconi la sua situazione sia migliorata, ma almeno Berlusconi è più reale: tutti sanno che è un figlio di puttana, ma - per usare una battuta di Grillo - è un figlio di puttana che ce l'ha fatta ("tutti rubano, ma almeno lui è simpatico"). Come puoi notare, in questa storia non c'è alcun spazio per la flat tax: non ne sanno niente, e pure se lo sapessero probabilmente non ci crederebbero (di elettori "consapevoli" berlusconiani che hanno cambiato idea dopo che non ha mantenuto le promesse è piena l'Italia). La chiosa di questo messaggio è che il salumiere che vota Berlusconi non è stupido, ma reagisce come può allo strapotere intellettuale che lo vuole vedere votare "bene" (inteso come: "quello che dico io sia bene per te"), ma come Scrigno Magico ci insegna: nel buio dell'urna si sfoga e vota "contro" tutti quegli ipocriti.
  3. Motivi per non votare +Europa

    Mah, io credo che tu compia due errori metodologici: 1) Quotando messaggi di 4 anni fa assumi che il mio pensiero sia invariato e sempre lo stesso, mentre chiaramente segue la mia evoluzione individuale; 2) invece di leggere, interpreti: che la destra "difenda" il popolo credo di non averlo mai pensato né scritto. Credo, invece, che il voto difensivo sia il voto Conservatore, che desidera mantenere regole e status quo.
  4. Motivi per non votare +Europa

    L'altro giorno ero dal salumiere e i tre dietro al bancone e alla cassa parlavano di politica. Il presunto titolare diceva che probabilmente sarebbe salito di nuovo Berlusconi. Uno dei "ragazzi" (che a Napoli guadagnano 400-500€ al mese a nero) diceva che era contento perché, se pure tutti rubano, lui almeno era simpatico (riferendosi alla questione delle olgettine). Io non credo che il popolo voti per i soldi che gli vengano prospettati, ma lo faccia per una promessa di felicità possibile e, quindi, per un cambiamento della sperequazione attuale della società.
  5. Motivi per non votare +Europa

    Credo che bisogna definire "ricchi": secondo l'Istat sono quelli che spendono, per famiglia, 2500€ al mese e sono 20 milioni. Fra quei 20 milioni penso che ci sia di tutto (perché è come comparare una coppia di impiegati da 1500€ al mese con un industriale). Quello che secondo me decide tutto sono gli operai e i disoccupati, che votano massicciamente per M5S, FI e Lega (infatti fra queste persone il Partito Democratico della Conservazione ha minori consensi).
  6. Motivi per non votare +Europa

    Non so se l'interesse dei poveri, votando, sia essere meno poveri, ma sono abbastanza certo che quello dei ricchi sia non impoverirsi.
  7. A me ieri è piaciuto, eh, solo che non potevo fare a meno di guardare la faccia dei compagni dopo ogni suo tiro.
  8. Motivi per non votare +Europa

    I poveri non votano o votano M5S, Lega e FI in maggioranza. Ora, o siamo democratici, ma contro il suffragio universale, oppure ci tocca ammettere che la miglior espressione politica dei proletari non sta a sinistra (soprattutto dopo l'infortunio di Ghoulam).
  9. Spesso non dà la palla al compagno meglio piazzato che si incazza. Almeno ieri era così.
  10. Motivi per non votare +Europa

    Dopo questo articolo, voterò PD per i sensi di colpa verso le donne nere. :-)
  11. Nuove funzionalità

    Fantastico! Grazie
  12. Ieri il Milan mi ha fatto divertire. In particolare sui movimenti difensivi ho visto le due linee di difesa e centrocampo muoversi bene e questo mi ha piacevolmente stupito considerando che i tre a centrocampo avevano tutti qualità tecnica. Ho visto Calhanoglu al centro del progetto tattico senza che neppure se ne accorgesse (è un giocatore che gli stessi compagni detestano) e, come la sfida ruolo contro ruolo ha evidenziato, a livello tecnico questa squadra non ha nulla da invidiare a Inter e Roma.
  13. Qui c'è solo l'Inter e tutti con Luciano

    Secondo me una volta caduto l'ha fatto di proposito
  14. Serie A - 25^ Giornata 2018

    Spal troppo debole: non puoi venire al San Paolo e giocare ad aspettare.
×